15.3 C
Rome
lunedì, Settembre 26, 2022

Correlati

Approvato in Commissione lo European Chips Act

L’8 febbraio 2022 la Commissione europea ha proposto una serie completa di misure per garantire la sicurezza dell’approvvigionamento, la resilienza e la leadership tecnologica dell’UE nelle tecnologie e nelle applicazioni dei semiconduttori.

Con lo European Chips Act si rafforzerà la competitività europea contribuendo a realizzare sia la transizione digitale che quella verde

La recente carenza globale di semiconduttori ha costretto la chiusura di fabbriche in un’ampia gamma di settori, dalle automobili ai dispositivi sanitari. Nel settore automobilistico, ad esempio, la produzione in alcuni Stati membri è diminuita di un terzo nel 2021. Ciò ha reso più evidente l’estrema dipendenza globale della catena del valore dei semiconduttori da un numero molto limitato di attori in un contesto geopolitico complesso. Ma ha anche illustrato l’importanza dei semiconduttori per l’intera industria e società europea.

L’EU Chips Act si baserà sui punti di forza dell’Europa – organizzazioni e reti di ricerca e tecnologia leader a livello mondiale, nonché una serie di produttori di apparecchiature all’avanguardia – e affronterà le notevoli debolezze. Creerà un fiorente settore dei semiconduttori dalla ricerca alla produzione e una catena di approvvigionamento resiliente. Mobiliterà oltre 43 miliardi di euro di investimenti pubblici e privati ​​e stabilirà misure per prevenire, preparare, anticipare e rispondere rapidamente a qualsiasi futura interruzione delle catene di approvvigionamento, insieme agli Stati membri e ai nostri partner internazionali. Consentirà all’UE di realizzare la sua ambizione di raddoppiare la sua attuale quota di mercato al 20% nel 2030.

La legge europea sui chip garantirà che l’UE disponga degli strumenti, delle competenze e delle capacità tecnologiche necessarie per diventare un leader in questo campo al di là della ricerca e della tecnologia nella progettazione, produzione e confezionamento di chip avanzati, per garantire la sua fornitura di semiconduttori e per ridurre le sue dipendenze . I componenti principali sono:

L’iniziativa Chips for Europe metterà in comune risorse dell’Unione, degli Stati membri e dei paesi terzi associati ai programmi dell’Unione esistenti, nonché del settore privato, attraverso la “impresa comune Chips” rafforzata risultante dal riorientamento strategico delle tecnologie digitali chiave esistenti Impresa comune. Saranno messi a disposizione 11 miliardi di euro per rafforzare la ricerca, lo sviluppo e l’innovazione esistenti, per garantire la diffusione di strumenti avanzati per semiconduttori, linee pilota per la prototipazione, il test e la sperimentazione di nuovi dispositivi per applicazioni innovative nella vita reale, per formare il personale e per sviluppare una comprensione approfondita dell’ecosistema dei semiconduttori e della catena del valore.

Un nuovo quadro per garantire la sicurezza dell’approvvigionamento attraendo investimenti e potenziando le capacità di produzione, molto necessarie per far prosperare l’innovazione nei nodi avanzati, chip innovativi ed efficienti dal punto di vista energetico. Inoltre, un Chips Fund faciliterà l’accesso ai finanziamenti per le start-up per aiutarle a maturare le loro innovazioni e attrarre investitori. Comprenderà anche uno strumento di investimento azionario dedicato ai semiconduttori nell’ambito di InvestEU per sostenere le scale-up e le PMI per facilitare la loro espansione del mercato.

Un meccanismo di coordinamento tra gli Stati membri e la Commissione per monitorare l’offerta di semiconduttori, stimare la domanda e anticipare le carenze. Monitorerà la catena del valore dei semiconduttori raccogliendo informazioni chiave dalle aziende per mappare i principali punti deboli e colli di bottiglia. Raccoglierà una valutazione comune delle crisi e coordinerà le azioni da intraprendere da un nuovo pacchetto di strumenti di emergenza. Reagirà inoltre rapidamente e con decisione insieme facendo pieno uso degli strumenti nazionali e dell’UE.

La Commissione propone inoltre una raccomandazione di accompagnamento agli Stati membri. Si tratta di uno strumento con effetto immediato per consentire l’avvio immediato del meccanismo di coordinamento tra gli Stati membri e la Commissione. Ciò consentirà sin d’ora di discutere e decidere misure di risposta alle crisi tempestive e proporzionate.

Di seguito la conferenza stampa sul tema – con traduzione simultanea in italiano – di Teresa Czerwińska, Vicepresidente della Banca Europea per gli Investimenti (BEI), Margrethe Vestager, Vicepresidente Esecutiva della Commissione Europea incaricata dell’Europa per l’era digitale, e Commissario per la Concorrenza, Thierry Breton, Commissario Europeo per il Mercato Interno

La versione audio Podcast (Link)

Latest Posts

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
1,709FansMi piace
84FollowerSegui
0FollowerSegui
52FollowerSegui
480FollowerSegui
5,176FollowerSegui
16,800IscrittiIscriviti

Società