2.3 C
Rome
giovedì, Dicembre 2, 2021

In primo piano

COP26, il giorno di Obama

Presentato da una collaboratrice dell’Obama Foundation, l’ex presidente degli Stati Uniti di America, è stato accolto alla COP26 di Glasgow con una standing ovation

“Negli Stati Uniti, alcuni dei nostri progressi sulla lotta al cambiamento climatico si sono fermati quando il mio successore ha deciso di ritirarsi unilateralmente dall’Accordo di Parigi nel suo primo anno di mandato. Non sono stato molto contento di questo. Non siamo neanche lontanamente dove dovremmo essere. Per cominciare, nonostante i progressi rappresentati da Parigi, la maggior parte dei Paesi non è riuscita a soddisfare i piani stabiliti sei anni fa”.

Di seguito la traduzione integrale del discorso di Obama

Unitevi a me nel dare il benvenuto al presidente Barack Obama.

Grazie molte. Grazie. Ciao, Glasgow.

Grazie mille. Grazie. Per favore. Beh, è ​​meraviglioso essere di nuovo nel Regno Unito. Ammettiamolo, è meraviglioso viaggiare ovunque in questi giorni. Grazie, Sheila, per l’eccezionale introduzione e per tutto il lavoro che stai facendo in una parte del mondo che sta risentendo degli effetti del cambiamento climatico in questo momento. Grazie per aver reso ciò che a volte può sembrare un mucchio di numeri astratti dolorosamente e immediatamente reale, quindi le siamo molto grati.

Ora sono un privato cittadino, quindi viaggi come questo mi sembrano un po’ diversi rispetto a prima. Non vengo invitato alla grande foto di gruppo (Family Photo). Il traffico è di nuovo una realtà per me. La musica non suona quando entro in una stanza. Il lato positivo è che posso fare un discorso come questo senza indossare la cravatta e non destare scandalo a casa. Spero. Ma anche se non sono più obbligato a partecipare a vertici come questo, le vecchie abitudini sono dure a morire.

E quando il problema in questione è la salute del nostro pianeta e del mondo che i nostri figli e i nostri nipoti erediteranno, allora è difficile tenermi lontano. Ecco perché sono qui oggi per parlare di quello che è successo nei sei anni trascorsi da quando ho parlato alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici a Parigi e per parlare dei passi che dobbiamo compiere se vogliamo continuare a fare grandi cose. Perché quando si tratta di clima, il tempo stringe davvero.

Avete sentito lo stesso messaggio dai leader mondiali la scorsa settimana e ora che se ne sono andati, ecco cosa possiamo riferire. Da Parigi sono stati compiuti progressi significativi. E gli accordi presi qui a Glasgow, grazie a tanti di voi, incluso il mio amico John Kerry qui, che è instancabile e la sua squadra. Grazie ai tuoi sforzi qui a Glasgow, vediamo la promessa di ulteriori progressi.

Ciò che è anche vero è che collettivamente e individualmente non siamo ancora all’altezza. Non abbiamo fatto abbastanza per affrontare questa crisi. Dovremo fare di più. Che ciò accada o meno in larga misura dipenderà da te. Non solo quelli di voi che sono in questa sala, ma chiunque stia guardando o leggendo una trascrizione (o traduzione Ndr.) di ciò che dico qui oggi. Era vero anche sei anni fa.

E su Parigi, il nostro obiettivo era quello di trasformare il progresso in un quadro duraturo che desse al mondo fiducia in un futuro a basse emissioni di carbonio, un accordo in cui i paesi avrebbero aggiornato regolarmente i loro obiettivi di emissioni, un accordo che avrebbe aiutato le nazioni in via di sviluppo a ottenere le risorse devono saltare la fase sporca dello sviluppo e aiutare le nazioni più vulnerabili ai cambiamenti climatici a ottenere le risorse di cui hanno bisogno per adattarsi, un accordo che dia alle imprese e agli investitori la certezza che l’economia globale è sulla buona strada verso un ambiente pulito e futuro sostenibile.

In altre parole, la nostra speranza era quella di creare un accordo che desse al nostro pianeta una possibilità di combattere. Questa era la nostra ambizione. In alcune misure, l’accordo è stato un successo. Per la prima volta i leader di quasi 200 nazioni, grandi e piccole, sviluppate e in via di sviluppo, si sono impegnate a lavorare insieme per affrontare una minaccia per le persone di tutte le nazioni. Sembrava la prova che nonostante tutte le divisioni nel nostro mondo, quando una crisi minaccia tutti noi, possiamo unirci per affrontarla.

All’epoca, credevamo anche che se un numero sufficiente di governi nazionali avesse dimostrato di essere serio nei confronti del clima, anche altre istituzioni, in particolare nel settore privato, avrebbero iniziato ad alzare gli occhi. Negli ultimi sei anni, questo è quello che è successo. Oggi più di un quinto delle più grandi aziende del mondo ha fissato obiettivi di emissioni nette pari a zero. Non solo perché è la cosa giusta da fare per l’ambiente, ma in molti casi perché ha senso per i loro profitti. Più di 700 città in più di 50 paesi si sono impegnate a dimezzare le proprie emissioni entro la fine del decennio e a raggiungere lo zero netto entro il 2050. Circa un terzo del settore bancario globale ha accettato di allineare il proprio lavoro con l’accordo di Parigi.

Questo è significativo. Ora, naturalmente negli Stati Uniti, alcuni dei nostri progressi si sono fermati quando il mio successore ha deciso di ritirarsi unilateralmente dall’accordo di Parigi nel suo primo anno di mandato. Non ero molto felice di questo. Eppure la determinazione dei nostri governi statali e locali, insieme ai regolamenti e agli investimenti che la mia amministrazione aveva già messo in atto, ha permesso al nostro Paese di andare avanti nonostante l’ostilità della Casa Bianca. L’investimento di 90 miliardi di dollari che abbiamo fatto nel 2009 ha contribuito a far ripartire l’industria dell’energia pulita negli Stati Uniti e i mercati si sono adattati, così come i consumatori. Anche quando l’amministrazione Trump ha annullato i requisiti sulle emissioni per le case automobilistiche, insieme a modifiche normative e standard di efficienza, molte aziende hanno scelto di mantenere la rotta. Hanno continuato a ridurre le emissioni. Hanno continuato il passaggio ai veicoli elettrici e agli apparecchi a risparmio energetico. La palla stava rotolando e non si fermava.

Nel frattempo, la scienza e la tecnologia continuano ad avanzare. Oggi il prezzo dell’energia solare ed eolica è sceso al punto che in alcuni luoghi l’energia pulita è più economica dei combustibili fossili. In tutto il mondo, scienziati e imprenditori stanno integrando abbondanti energie rinnovabili, batterie più potenti, scoperte in campi come la biologia sintetica per inventare un futuro migliore, più sano e più conveniente. Sono tutte buone notizie per il pianeta ed è anche una buona notizia per le persone in cerca di lavoro.

Solo negli Stati Uniti, più di 3 milioni di persone ora lavorano in lavori legati all’energia pulita. Questo è più del numero di persone attualmente impiegate dall’intera industria dei combustibili fossili. Nonostante quattro anni di ostilità attiva nei confronti della scienza del clima proveniente dai vertici del nostro governo federale, il popolo americano è riuscito comunque a rispettare il nostro impegno originale nell’ambito dell’Accordo di Parigi. Non solo, ma il resto del mondo è rimasto nell’accordo. Ora che il presidente Biden e la sua amministrazione si sono ricongiunti all’accordo, il governo degli Stati Uniti è ancora una volta impegnato e pronto ad assumere un ruolo di leadership. Tutti quelli che hanno visto John Kerry correre da queste parti sanno che prendiamo sul serio quel ruolo.

Essendo il secondo produttore mondiale di gas serra, gli Stati Uniti devono primeggiare. Abbiamo enormi responsabilità e ovviamente abbiamo ancora tanto lavoro da fare. Ma la scorsa settimana, il Congresso ha approvato la legge sulle infrastrutture bipartisan del presidente Biden che, tra le altre cose, creerà posti di lavoro nella produzione di pannelli solari, turbine eoliche, batterie e veicoli elettrici e costruirà la prima rete nazionale di stazioni di ricarica in modo che le famiglie possano viaggiare attraverso gli Stati Uniti in veicoli elettrici. Sono fiducioso che una versione del disegno di legge Build Back Better del presidente Biden passerà al Congresso nelle prossime settimane. Ecco cosa significherà quando quel disegno di legge passerà. Quella legislazione dedicherà oltre mezzo trilione di dollari per ridurre le emissioni di gas serra di oltre un miliardo di tonnellate entro la fine del decennio, almeno 10 volte di più di qualsiasi legislazione precedentemente approvata dal Congresso. Lungo la strada, ridurrà i costi energetici dei consumatori. Investirà in un’economia di energia pulita. Creerà centinaia di migliaia di posti di lavoro e metterà gli Stati Uniti sulla buona strada per raggiungere i suoi nuovi obiettivi climatici, raggiungendo una riduzione del 50-52% delle emissioni di gas serra al di sotto dei livelli del 2005 entro il 2030. Gli Stati Uniti sono tornati e in movimento più audacemente, gli Stati Uniti non sono soli.

All’inizio di quest’anno, il governo del Regno Unito, i nostri ospiti, ha annunciato l’intenzione di ridurre le emissioni di quasi l’80% entro il 2035. Quest’estate, l’Unione europea si è avviata verso la neutralità del carbonio entro il 2050. La Corea ha approvato una legge sulla neutralità del carbonio a settembre che richiede al governo di ridurre le emissioni di gas serra del 35% o più entro il 2030. Il governo canadese ha tracciato un percorso verso la neutralità del carbonio entro il 2050 con traguardi da raggiungere lungo la strada. Parigi ha mostrato al mondo che il progresso è possibile, ha creato un quadro, è stato svolto un lavoro importante e qui è stato svolto un lavoro importante. Questa è la buona notizia.

Ora per le cattive notizie. Non siamo ancora vicini a dove dobbiamo essere. Per cominciare, nonostante i progressi rappresentati da Parigi, la maggior parte dei paesi non è riuscita a soddisfare i piani d’azione stabiliti sei anni fa. Le conseguenze di non muoversi abbastanza velocemente stanno diventando sempre più evidenti. Il mese scorso, uno studio ha rilevato che l’85% della popolazione mondiale ha subito eventi meteorologici più gravi a causa del cambiamento climatico, tempeste più forti, ondate di calore più lunghe, inondazioni più intense, siccità paralizzanti. Parti del mondo stanno diventando più pericolose in cui vivere, innescando nuovi modelli migratori e peggiorando i conflitti in tutto il mondo. È uno dei motivi per cui il Pentagono americano e altre agenzie hanno affermato che il cambiamento climatico rappresenta una minaccia alla sicurezza nazionale per gli Stati Uniti e per tutti gli altri.

…e per tutti gli altri. Ma non solo non abbiamo raggiunto tutti gli obiettivi che erano stati promessi a Parigi, ma ricordiamo che Parigi avrebbe sempre dovuto essere un inizio, non un punto di arrivo, del nostro sforzo congiunto per controllare il cambiamento climatico. Già nel 2015 sapevamo che, anche se gli impegni presi nell’ambito dell’accordo di Parigi fossero stati pienamente rispettati, non saremmo comunque riusciti a raggiungere il nostro obiettivo di mantenere l’aumento della temperatura globale al di sotto di 1,5 gradi Celsius. Ed è per questo che Parigi è stata progettata per essere un quadro per i paesi per aumentare costantemente le loro ambizioni man mano che ottengono più risorse e poiché la tecnologia riduce il costo della transizione verso un’economia dell’energia pulita.

Quindi ora veniamo qui a Glasgow. Ed è stato altrettanto vero con l’Accordo di Parigi, ci sono buone notizie e cattive notizie su ciò che è successo qui la scorsa settimana. La buona notizia, in gran parte, è dovuta agli sforzi delle persone in questa stanza, alle ore di lavoro che hai trascorso con caffè debole e cibo cattivo, sentendoti assonnato. Grazie a te, i paesi di tutto il mondo stanno riconoscendo che questo è un decennio decisivo per evitare un disastro climatico e stanno fissando alcuni obiettivi davvero importanti per il 2030.

Più di un centinaio di paesi la scorsa settimana si sono impegnati a ridurre le emissioni di metano del 30% entro il 2030. Come tutti sapete, ridurre le emissioni di metano è attualmente il modo più rapido ed efficace per limitare il riscaldamento. Più di 100 paesi hanno anche promesso di fermare e invertire la deforestazione entro la fine del 2030. Le aziende di tutto il mondo, i marchi rinomati, alcune delle più grandi aziende del pianeta hanno concordato di aiutare a creare un mercato per le tecnologie a cui dobbiamo passare energia pulita. Qui a Glasgow, le nazioni si sono anche impegnate ad aiutare i paesi più poveri ad abbandonare i combustibili fossili e ad affrontare gli effetti del cambiamento climatico.

Il presidente Biden ha annunciato che gli Stati Uniti quadruplicheranno il loro impegno annuale di finanziamento per il clima nei prossimi anni, portandolo a 11 miliardi di dollari, inclusi 3 miliardi di dollari dedicati ad aiutare i paesi vulnerabili ad adattarsi agli impatti del cambiamento climatico e gli Stati Uniti insieme ad altri 20 paesi hanno deciso di fermare finanziando pubblicamente lo sviluppo internazionale dei combustibili fossili con limitate eccezioni.

Quindi questi sono risultati significativi. Sono impegni duramente conquistati. Dovreste essere orgogliosi di voi stessi e dobbiamo celebrare questi impegni. Anche se esigiamo che i firmatari di questi impegni si attengano effettivamente. Dobbiamo seguirlo. Non sono autoeseguibili. Richiederanno uno sforzo, ma supponiamo che effettivamente lo consegniamo. Questo è significativo. Ma ancora una volta, dobbiamo anche riconoscere che questo progresso è parziale. La maggior parte delle nazioni non è riuscita ad essere ambiziosa come dovrebbe essere. L’escalation, l’aumento dell’ambizione che avevamo previsto a Parigi sei anni fa non si è realizzata in modo uniforme. Devo confessare. È stato particolarmente scoraggiante vedere i leader di due dei più grandi emettitori del mondo, Cina e Russia, rifiutarsi persino di partecipare ai lavori. E i loro piani nazionali finora riflettono quella che sembra essere una pericolosa mancanza di urgenza, una volontà di mantenere lo status quo da parte di quei governi. Ed è un peccato. Abbiamo bisogno di economie avanzate come gli Stati Uniti e l’Europa che guidano su questo tema, ma conoscete i fatti, abbiamo anche bisogno della Cina e dell’India che guidano su questo tema. Abbiamo bisogno che la Russia sia alla guida di questo problema, così come abbiamo bisogno dell’Indonesia, del Sud Africa e del Brasile che guidano questo problema. Non possiamo permetterci nessuno in panchina.

Riconosco che stiamo vivendo in un momento in cui la cooperazione internazionale è diminuita. Un momento di maggiore tensione e stress geopolitico in parte a causa della pandemia, in parte a causa dell’ascesa del nazionalismo e degli impulsi tribali in tutto il mondo. E sì, in parte, a causa della mancanza di leadership da parte dell’America per quattro anni su una serie di questioni multilaterali. Capisco che è più difficile ottenere una cooperazione internazionale quando ci sono più tensioni globali, ma c’è una cosa che dovrebbe trascendere la nostra politica quotidiana e la normale geopolitica. E questo è il cambiamento climatico.

Non è solo che non possiamo permetterci di tornare indietro. Non possiamo permetterci di restare dove siamo. Il mondo deve farsi avanti e deve farlo adesso. Quindi come accadrà? Come colmiamo il divario tra ciò che è necessario per la nostra sopravvivenza e ciò che sembra politicamente possibile in questo momento? Confesso che non ho tutte le risposte, come sono sicuro che sia vero per tutti voi là fuori. Quelli di voi che sono immersi in questo lavoro, che sono molto più esperti di me. Ci sono momenti in cui mi sento scoraggiato. Ci sono momenti in cui il futuro vede un po’ cupo. Ci sono momenti in cui dubito che l’umanità possa rimettersi in piedi prima che sia troppo tardi e le immagini della distopia inizino a insinuarsi nei miei sogni. Eppure, ogni volta che provo un tale sconforto, ricordo a me stesso che il cinismo è il ricorso dei codardi. Non possiamo permetterci la disperazione. Dovremo invece raccogliere la volontà, la passione e l’attivismo dei cittadini, spingendo i governi, le aziende e tutti gli altri a raccogliere questa sfida. Questo è ciò che ha permesso agli Stati Uniti di fare la loro parte negli ultimi anni per raggiungere i nostri obiettivi climatici. Anche quando non avevamo molta leadership su di esso. Non erano solo i funzionari eletti o gli amministratori delegati a fare la cosa giusta. Sono stati gli americani comuni a far sentire la loro voce, a chiarire che dobbiamo risolvere questo problema, indipendentemente dagli ostacoli. Persone che hanno organizzato ed educato gli altri nelle loro comunità, persone che fanno pressione sulle imprese e sui governi per fare meglio. Persone che trasformano la loro passione in voti.

Questo è il tipo di impegno di cui avremo bisogno per andare avanti, perché ammettiamolo. Non si tratta solo di numeri grezzi. Non si tratta solo di scienza. Si tratta di politica. Si tratta di cultura. Si tratta di moralità. Riguarda la dinamica umana. Come lavoriamo insieme per fare una grande cosa? E si tratta di partecipazione e potere. Ripensando alla mia esperienza come presidente, avrei avuto il potere di fare ancora di più per combattere il cambiamento climatico durante il mio mandato, se avessi avuto una maggioranza stabile del Congresso disposta e desiderosa di agire.

E per la maggior parte della mia presidenza, non ho avuto quella maggioranza. Ottenere tali maggioranze richiede una cittadinanza impegnata, disposta a fare ciò che serve per premiare i politici che prendono sul serio questo problema e mandare fuori ufficio quelli che non lo fanno. Sono convinto che il disegno di legge di ricostruzione migliore del presidente Biden sarà storico e un enorme vantaggio per l’azione degli Stati Uniti sul cambiamento climatico. Ma tieni presente che Joe Biden voleva fare ancora di più. È limitato dall’assenza di una solida maggioranza necessaria per farlo accadere. Entrambi siamo stati vincolati in gran parte dal fatto che uno dei nostri due maggiori partiti ha deciso non solo di stare in disparte, ma di esprimere un’attiva ostilità verso la scienza del clima e rendere il cambiamento climatico una questione di parte.

Forse alcuni di voi hanno una dinamica simile nei propri paesi. Sebbene in generale, gli Stati Uniti sembrano avere un’opposizione al clima più vigorosa che in molti altri luoghi. Ma il mio punto più ampio è che deve finire. Salvare il pianeta non è una questione di parte. Accolgo con favore qualsiasi fazione all’interno del partito repubblicano negli Stati Uniti che prenda sul serio il cambiamento climatico. E questa potrebbe essere una razza rara in questo momento, ma tieni presente che tali funzionari eletti repubblicani erano all’ordine del giorno, esistevano. Il presidente George HW Bush, un repubblicano è stato uno dei primi presidenti degli Stati Uniti a riconoscere ufficialmente la minaccia del cambiamento climatico, è stato uno dei firmatari dell’Accordo di Rio.

Se agiamo nella misura necessaria, il cambiamento climatico non può essere visto in nessuna parte del mondo solo come un’opportunità per ottenere punti politici. E per coloro che ascoltano a casa negli Stati Uniti, lasciatemi dire questo. Non importa se sei repubblicano o democratico. Se la tua casa in Florida è inondata dall’innalzamento dei mari o i tuoi raccolti falliscono nel Dakota o la tua casa in California sta bruciando, la natura, la fisica, la scienza non si preoccupano dell’affiliazione al partito. E ciò che è vero negli Stati Uniti è vero in ogni nazione. Non abbiamo solo bisogno che i Democratici, il Partito dei Verdi o i Progressisti lavorino insieme su questo problema esistenziale. Abbiamo bisogno di tutti, anche se non siamo d’accordo su altre cose. E ciò che è vero anche in tutto il mondo, vero negli Stati Uniti, vero in tutti i paesi qui rappresentati è che l’energia più importante in questo movimento viene dai giovani. E il motivo è semplice. Hanno più interesse in questa lotta di chiunque altro. Ed è per questo che voglio trascorrere il resto del mio tempo oggi parlando direttamente con i giovani che potrebbero guardare e chiedendosi cosa possono fare per aiutare.

… stai guardando e ti chiedi cosa possono fare per aiutare.

Sono padre di due figlie poco più che ventenni, quindi ho un’idea di tutte le cose che vengono lanciate ai giovani in questi giorni. Non è sempre facile essere giovani oggi. E per la maggior parte delle vostre vite, se appartenete a quella generazione, siete stati bombardati da avvertimenti su come sarà il futuro se non affronterete il cambiamento climatico.

E nel frattempo, sei cresciuto guardando molti degli adulti che sono in grado di fare qualcosa al riguardo o agire come se il problema non esistesse o rifiutarsi di prendere le decisioni difficili necessarie per affrontarlo. E questa è una fonte di vera ansia e vera rabbia per le persone anziane. E alcuni di voi, senza dubbio, si chiedono se sarete in grado di essere al sicuro nella comunità in cui siete cresciuti, se dovrete crescere i vostri figli in un mondo devastato da condizioni meteorologiche estreme, migrazioni climatiche e conflitti. . Come ha detto un sedicenne: “Per noi, la distruzione del pianeta è personale”. Ed è per questo che il mio messaggio ai giovani inizia riconoscendo che hai ragione a essere frustrato. La gente della mia generazione non ha fatto abbastanza per affrontare un problema potenzialmente catastrofico in cui ora ti trovi qui.

Ma voglio anche condividere alcuni consigli che mia madre mi dava. Se mi sentivo ansioso o arrabbiato o depresso o spaventato, mi guardava e diceva: “Non tenere il broncio. Essere impegnato. Mettiti al lavoro e cambia ciò che deve essere cambiato.” E fortunatamente è esattamente quello che stanno facendo i giovani di tutto il mondo in questo momento. Due anni fa, un’adolescente svedese di nome Greta Thunberg ha ispirato milioni di persone a partecipare alle più grandi manifestazioni sul clima degli ultimi decenni. Molte persone ora conoscono Greta, ma il mondo è pieno di Greta. Una delle cose che amo di più del nostro lavoro alla Fondazione Obama è incontrare giovani attivisti di tutto il mondo che raccolgono il testimone del cambiamento climatico. Hai appena avuto notizie da Sheila Babauta, delle Isole Marianne Settentrionali. In qualità di rappresentante eletto, Sheila sta combattendo per preservare le risorse naturali dell’isola e aiutando i giovani a prendere l’iniziativa nella lotta per i diritti umani e l’azione per il clima.

Ho incontrato persone come Juan Carlos Monterrey-Gómez da Panama dopo aver rappresentato il suo paese ai negoziati di Parigi. Penso che fosse come 22. Juan ha quindi condotto uno sforzo per emendare la costituzione di Panama. Oggi è qui a Glasgow come negoziatore sul clima. Abbiamo Colette Pichon Battle, che è la fondatrice e direttrice esecutiva del Gulf Coast Center For Law And Policy in Louisiana negli Stati Uniti. Sono senza scopo di lucro che aiutano le comunità di colore in tutto il Sud che stanno già subendo gli effetti del cambiamento climatico ricostruire dopo i disastri e costruire comunità più sostenibili ed economie più sostenibili.

E poi c’è Louisa Neubauer, un’attivista che guida gli scioperi di Fridays for Future in Germania. Durante gli scioperi globali per il clima nel 2019, Louisa ha aiutato a organizzare 270.000 manifestanti a Berlino, facendo pressione sui partiti politici tedeschi affinché prendessero sul serio il cambiamento climatico. Il cambiamento climatico è spaventoso, ha detto. Quindi la domanda è: come possiamo trasformare questa ansia in qualcosa di costruttivo?

Questo è ciò che stanno già facendo questi giovani leader. Non vedo l’ora di sedermi e parlare con alcuni di loro in una forma separata più tardi oggi perché non stanno lavorando solo per i loro paesi. Stanno formando un movimento oltre i confini per far capire alla vecchia generazione che ci ha messo in questo pasticcio che abbiamo tutti l’obbligo di tirarci fuori. E se quelle persone anziane non ascoltano, devono togliersi di mezzo.

Ora, a questo punto, alcuni dei giovani che guardano o ascoltano, potrebbero pensare: “Non ho tempo per organizzare 200.000 persone o proporre un emendamento costituzionale. Ho un esame di matematica la prossima settimana”. Lo capisco. Ti assicuro che, a differenza di Greta, non ero sulla copertina di Time Magazine quando avevo 16 anni. E se stavo saltando la scuola, non aveva nulla a che fare con il cambiamento climatico. Ma ci sono molte cose che ognuno di voi giovani può fare che non richiederà di dedicare tutta la vita alla causa, ma farà davvero la differenza.

Il primo e più importante è, se hai i requisiti di età, votare il problema. Vota come se la tua vita dipendesse da questo perché lo fa. Riconosco che molti giovani possono essere cinici riguardo alla politica, ma il fatto duro e freddo è che non avremo piani climatici più ambiziosi provenienti dai governi a meno che i governi non sentano una certa pressione dagli elettori. In un sondaggio tra i giovani in 22 paesi, più persone hanno citato il cambiamento climatico come una delle questioni più importanti che il mondo deve affrontare rispetto a qualsiasi altra cosa. I giovani capiscono questo problema, ma non sempre votano allo stesso livello degli anziani.

Molti giovani ora stanno iniziando a rendersi conto che devo far sentire i miei interessi se ho l’opportunità di votare. Quindi, nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2020, i giovani erano più propensi degli elettori più anziani a dire che il cambiamento climatico era la loro principale preoccupazione e hanno anche votato con un tasso di 11 punti in più rispetto al 2016. Questo è il tipo di cosa che fa alzare i politici e prendere nota. Come ha detto un organizzatore di 20 anni, i giovani capiscono che se vogliamo salvare le nostre vite e il nostro futuro, allora dobbiamo farlo da soli. E questo fa parte del tuo potere che devi usare. Non pensare di poter ignorare la politica. Non devi esserne felice, ma non puoi ignorarlo. Non puoi essere troppo puro per questo. Fa parte del processo che consegnerà a tutti noi.

Un secondo modo per avere un impatto sui cambiamenti climatici è fare pressione sulle aziende affinché facciano la cosa giusta. I membri della tua generazione hanno già dimostrato che sei disposto a pagare per prodotti che ritieni responsabili e reattivi alla sfida climatica, e che sei anche disposto a evitare quelle aziende che stanno effettivamente peggiorando il cambiamento climatico. Lo vedo nelle mie figlie e nelle loro amiche, nel loro gruppo di pari, in termini di aziende che supportano e di quali prodotti acquistano. Non solo sono consumatori sofisticati, sono cittadini attivi e impegnati, e questo è un messaggio che i CEO impareranno a capire. Le aziende stanno iniziando a capire che diventare più efficienti dal punto di vista energetico è positivo per i loro profitti perché spenderanno meno in energia, ma hai anche l’opportunità di insegnare loro che prendendo sul serio il cambiamento climatico, hanno la possibilità di conquistare la fedeltà clienti e dipendenti. E al contrario perderanno clienti e dipendenti di alto livello se non saranno dalla parte giusta del problema. Fa parte del tuo potere. Hai bisogno di usarlo.

Già che ci sei, devi aiutare a educare i tuoi genitori e nonni, i tuoi zii e zie, i tuoi insegnanti, i tuoi datori di lavoro, perché mentre un pianeta che si riscalda pericolosamente è una realtà con cui molti di voi sono cresciuti da giovani, l’hai studiato a scuola, ne hai letto, ha fatto parte dello sfondo della tua infanzia, i membri della vecchia generazione non hanno lo stesso quadro di riferimento. Ti amano, però. Si preoccupano per te. Ti ascoltano più di quanto pensi. E se spieghi quanto sia importante per te la questione, potresti indurli a ripensare alla loro posizione, o almeno ad essere più aperti di mente. In effetti, sono abbastanza sicuro che ti ascolteranno in un modo in cui potrebbero non ascoltare mai un politico o un esperto in TV o un ex presidente. Questo è il potere che hai. Devi usarlo.

E infine, lasciatemi dire, non sarà sufficiente mobilitare semplicemente i convertiti. Non basterà predicare al coro. Non sarà sufficiente aumentare l’intensità tra le persone che già conoscono il cambiamento climatico e sono già d’accordo con noi e ci stanno a cuore. Le proteste sono necessarie per sensibilizzare. Le campagne hashtag possono diffondere consapevolezza. Ma per costruire le ampie coalizioni necessarie per un’azione audace, dobbiamo persuadere le persone che attualmente non sono d’accordo con noi o sono indifferenti alla questione. E per far cambiare idea a quei concittadini nei nostri rispettivi paesi, dobbiamo fare un po’ più di ascolto. Non possiamo semplicemente sgridarli o dire che sono ignoranti. Non possiamo semplicemente twittare loro. Non basta disturbarli bloccando il traffico in una protesta. In realtà dobbiamo ascoltare le loro obiezioni e comprendere la riluttanza di alcune persone comuni a vedere i loro paesi muoversi troppo velocemente sul cambiamento climatico. Dobbiamo comprendere le loro realtà e lavorare con loro in modo che un’azione seria sul cambiamento climatico non abbia un impatto negativo su di loro.

Quindi ascolta, è vero. Molta opposizione sul clima proviene dalle aziende di combustibili fossili che cercano di fare soldi, nonostante le pubblicità verdi che pubblicano in TV. È vero che ci sono negazionisti del clima là fuori che, per ragioni ideologiche, non convincerai mai.

… ragioni logiche che non convincerai mai. Ma non sto parlando di loro. Sto parlando del fatto che dobbiamo convincere il tizio che deve andare al lavoro in fabbrica ogni giorno, non può permettersi una Tesla e potrebbe non essere in grado di pagare l’affitto o sfamare la sua famiglia se il gas i prezzi salgono. Dobbiamo pensare alla madre in India, che sì, soffrirà siccità e inondazioni aggravate dai cambiamenti climatici, ma la cui preoccupazione più immediata è ottenere l’elettricità così i suoi figli non devono stare seduti al buio ogni notte e non possono fare i compiti. Non è un… Non puoi ignorare questa preoccupazione.

Ci sono lavoratori e comunità che dipendono ancora dal carbone per l’energia e il lavoro. E sì, sono preoccupati per il mantenimento dei loro salari. Non è irragionevole che si preoccupino di questo. E il fatto è che la transizione dall’energia sporca all’energia pulita ha un costo. E non è irragionevole per le persone che spesso sono già economicamente vulnerabili, e magari non si sentono particolarmente potenti politicamente. Non è irragionevole per loro pensare che, nonostante tutti i discorsi altisonanti, alcuni di quei costi di transizione saranno sostenuti da loro. Non dal più potente e dal privilegio. Non è una prospettiva irragionevole per loro.

Ed è per questo che quando si tratta di cambiamento climatico, un paese come gli Stati Uniti, con un’impronta di carbonio pro capite più elevata, deve fare di più di un paese come Bali o il Bangladesh. È anche il motivo per cui dobbiamo assicurarci che le persone più colpite dalla transizione verso l’energia pulita non siano quelle a sostenere la maggior parte dei costi. Non hanno alcun margine di errore.

Posso permettermi di rinunciare a gran parte del mio stile di vita attuale a beneficio del pianeta perché avrò ancora molto da fare. Molte persone non hanno quel cuscino. Quindi ciò significa che qualsiasi piano climatico degno di nota deve tenere conto di queste iniquità. Che si tratti di sussidi alle persone povere, per facilitare la transizione verso l’energia pulita, che si tratti di trasferimenti di tecnologia che aiutano i paesi poveri a raggiungere i loro obiettivi di sviluppo scavalcando combustibili sporchi, dobbiamo prestare attenzione a quelle disuguaglianze incorporate e alla politica che li circonda. E non è facile. Quindi permettetemi di concludere in modo schietto, mantenere l’aumento delle temperature globali a 1,5 gradi Celsius non sarà facile. Sarà dura. Le istituzioni politiche esistenti si muovono lentamente. Anche quando i leader sono ben intenzionati. La cooperazione internazionale è sempre stata difficile. È reso più difficile da tutta la disinformazione e la propaganda che possono inondare i social media in questi giorni. I leader aziendali, diciamocelo, sono generalmente ricompensati per aumentare i profitti a breve termine, non per affrontare i principali problemi sociali. Fare in modo che le persone lavorino insieme su scala globale richiede tempo. E in questo momento è il momento che non abbiamo.

Quindi, se siamo onesti con noi stessi, sì, sarà davvero difficile. La cosa che abbiamo per noi è che l’umanità ha già fatto cose difficili prima. Credo che possiamo fare di nuovo cose difficili. Sì, il processo sarà, sarà disordinato. Te lo garantisco, ogni vittoria sarà incompleta. Affronteremo più battute d’arresto. A volte saremo costretti ad accontentarci di compromessi imperfetti perché anche se non ottengono tutto ciò che vogliamo, almeno ne promuovono la causa. Almeno spostano la palla lungo il campo.

Ma se lavoriamo duramente abbastanza a lungo, quelle vittorie parziali si sommano. Se spingiamo abbastanza forte, rimaniamo abbastanza concentrati e siamo intelligenti al riguardo, quelle vittorie accelereranno. E danno slancio. Se ascoltiamo coloro che sono resistenti e prendiamo sul serio le loro preoccupazioni, e lavoriamo con loro e ci organizziamo e ci mobilitiamo e ci sporchiamo le mani nelle difficoltà di cambiare le dinamiche politiche nei nostri paesi, quelle vittorie iniziano ad arrivare un po’ più frequentemente. Se rimaniamo con esso, lo faremo.

Quindi a tutti i giovani là fuori, così come a quelli di voi che si considerano giovani di cuore, voglio che restiate arrabbiati. Voglio che tu rimanga frustrato, ma incanala quella rabbia, imbriglia quella frustrazione, continua a spingere sempre più forte, per sempre di più perché questo è ciò che è necessario per affrontare questa sfida. Preparati per una maratona, non per uno sprint, per risolvere un problema così grande, così complesso e così importante non è mai successo tutto in una volta. Dato che qui siamo nelle Isole di Smeraldo, permettetemi di citare il bardo, William Shakespeare, “Quale ferita”, scrive, “è mai guarita se non per gradi”.

Il nostro pianeta è stato ferito dalle nostre azioni. Quelle ferite non saranno guarite né oggi né domani né il prossimo, ma possono essere guarite. Per gradi. E se iniziamo con quello spirito, se ognuno di noi può combattere la frustrazione e il terrore occasionali, se ci impegniamo a fare la nostra parte e poi a rispettare quegli impegni, credo che possiamo assicurarci un futuro migliore. Dobbiamo. E quale compito profondo e nobile prefiggerci. Sono pronto per il lungo raggio, se lo sei. Quindi mettiamoci al lavoro. Grazie molte, a tutti. Grazie.

Latest Posts

spot_img

Social