Home Economia Governo e Corte dei Conti: Fitto chiarisce la posizione sul PNRR

Governo e Corte dei Conti: Fitto chiarisce la posizione sul PNRR

0

Il ministro Fitto parla dello stato del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza e respinge l’idea di uno scontro con la Corte dei Conti

Durante una conferenza stampa nella sala polifunzionale della presidenza del Consiglio, il ministro per gli Affari europei, il Sud, le Politiche di coesione e il PNRR, Raffaele Fitto, ha affrontato il tema dello stato di attuazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR). Ha preferito non entrare nel dettaglio dei singoli progetti, ma ha voluto mettere l’accento sul ritmo di progresso del Piano in confronto a quello di altri Paesi europei.

Fitto ha ribadito il suo desiderio di evitare polemiche e di valorizzare i risultati del PNRR. Ha sottolineato come solo cinque Paesi europei hanno presentato le modifiche al Piano con il ‘RePower’, aggiungendo che l’Italia è assolutamente nei termini previsti, fissati al 31 agosto.

Il governo, inoltre, ha presentato un emendamento al dl Pa in commissione alla Camera, contenente due norme riguardanti i controlli della Corte dei Conti. La prima prevede una proroga di un anno fino al 30 giugno 2024 del cosiddetto scudo sulle norme riguardanti il danno erariale, mentre la seconda sottrae il controllo concomitante, ovvero in itinere, della Corte dei Conti su tutte le spese dei fondi del PNRR.

Riguardo allo “scontro” tra il governo e la Corte dei Conti, che ha suscitato l’interesse dei giornalisti, Fitto ha respinto decisamente tale terminologia. Ha affermato che il governo non ha alcun contrasto con la Corte dei Conti, e ha ribadito il massimo rispetto verso l’istituzione, esprimendo la speranza di una piena collaborazione. Ha spiegato che la norma sulla proroga dello scudo per il danno erariale del dirigente pubblico era già stata decisa dai governi Conte e Draghi, e che anche il suo governo l’ha prorogata, in linea con le decisioni precedenti.

Il ministro ha poi manifestato l’incomprensione per l’attuale polemica, sostenendo che il governo rispetta la Corte dei Conti come istituzione e che l’eventuale confronto si svolgerà in futuro. Con queste parole, Fitto ha voluto mettere fine alle speculazioni su uno scontro tra il governo e la Corte dei Conti, ribadendo la volontà di collaborare per il bene del Paese.

Il Podcast integrale della conferenza stampa (Link)

Exit mobile version