8.9 C
Rome
sabato, Ottobre 1, 2022

Correlati

Guerini, con Bussola Strategica un primo passo verso l’Europa della Difesa

Il Ministro della Difesa italiano Lorenzo Guerini dopo il Consiglio Affari Esteri e Difesa dell’Unione Europea: “Con la conclusione dei lavori relativi alla Bussola Strategica, l’UE raggiunge un traguardo importante. È il primo passo verso l’Europa della Difesa. Ora è necessario implementarla.”

Approvata la versione finale della “Bussola Strategica” in vista del Consiglio Europeo del 23 marzo. Si tratta di un documento innovativo, recante le linee guida della politica di sicurezza e difesa dell’Unione Europea. L’incontro, svoltosi alla presenza dell’Alto Rappresentante dell’UE per la Politica Estera e di Sicurezza, Josep Borrell, è stato inoltre occasione per approfondire gli sviluppi dell’aggressione russa all’Ucraina.
BRUXELLES, 21 Marzo – “Con la conclusione dei lavori della Bussola Strategica, l’Unione Europea raggiunge un traguardo importante. Stiamo rafforzando la capacità di difesa comune in un momento storico che lo richiede e che segna un autentico spartiacque in tema di sicurezza collettiva.” – Così il Ministro italiano della Difesa, Lorenzo Guerini, al termine dell’incontro con i colleghi della Difesa e degli Esteri dei Paesi UE, tenutosi presso la sede del Consiglio Europeo.

“L’adozione di un documento strategico forte e ambizioso conferma l’unità, la determinazione e la coesione dell’UE e invia un messaggio forte e inequivocabile.” – Ha proseguito il Ministro Guerini. “L’Italia considera la “Bussola Strategica” un primo passo verso l’Europa della Difesa. Un primo passo necessario per rinforzare il pilastro europeo della NATO”.

Il Ministro ha poi aggiunto: “Per definire la nuova architettura di difesa europea, è necessario mantenere salda la nostra determinazione politica, proprio come stiamo facendo in questa fase critica. Le decisioni assunte con l’European Peace Facility, a favore di Kiev, ne sono la dimostrazione”.

Nella sessione dei lavori in cui il Consiglio ha approfondito l’evoluzione della situazione in Ucraina, Guerini ha inoltre espresso, a nome delle istituzioni italiane, “il supporto incondizionato all’Ucraina, alla sua indipendenza ed integrità territoriale. Poiché l’Italia, in ogni sede, condanna fermamente l’aggressione russa”.

Il Ministro italiano ha poi incontrato l’omologo croato, Mario Banozic, con il quale ha approfondito i temi inerenti la cooperazione bilaterale e multilaterale, il quadro securitario regionale (relativo ai Balcani Occidentali) e la cooperazione industriale.

Il Ministro Guerini, citando le ottime relazioni che legano i due Paesi e le rispettive Forze Armate, nonché l’importanza che l’Italia riconosce all’adesione della Croazia alla Multinational Land Force (MLF), in qualità di “Paese osservatore” e non di meno alla partecipazione croata in ambiti di cooperazione multilaterale quali la DECI (Defence Cooperation Initiative) e ADRION (programma di cooperazione transnazionale Adriatico Ionico), iniziativa per la quale ha annunciato l’intenzione di promuovere un incontro ministeriale nel prossimo autunno.

Facendo riferimento ai comuni impegni in ambito operativo, il Ministro Guerini ha altresì espresso soddisfazione per l’operato dei militari della Repubblica di Croazia nella missione KFOR, ricordando che l’Italia riassumerà il comando di KFOR nell’autunno del 2022.

Approfondendo, infine, la situazione regionale, il Ministro Guerini ha ribadito che “l’ancoraggio dell’intera regione balcanica all’Europa è essenziale per la salvaguardia degli equilibri geopolitici del Sud-Europa e del Mediterraneo”. In questo quadro, “L’Italia sostiene convintamente il processo di allargamento dell’Unione Europea.”

In merito a eventuali riverberi dell’aggressione russa all’Ucraina su questo quadrante geostrategico, il Ministro, nel ricordare che “l’Italia manterrà alta la guardia” ha elencato le misure approvate dal Governo italiano in relazione al rafforzamento della postura militare di deterrenza della NATO e la disponibilità a incrementare la presenza italiana nel quadrante Sud-Est dell’Alleanza.

L’incontro bilaterale si è concluso con un focus sulla cooperazione industriale tra i due Paesi, ambito a cui entrambi gli Stati attribuiscono massima centralità.

Latest Posts

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
1,711FansMi piace
85FollowerSegui
0FollowerSegui
52FollowerSegui
480FollowerSegui
5,175FollowerSegui
16,900IscrittiIscriviti

Società