15.1 C
Rome
sabato, Ottobre 1, 2022

Correlati

Il Premier Israeliano dopo l’incontro con Putin

Naftali Bennett all’apertura della riunione settimanale del gabinetto israeliano, aggiorna sul tentativo di mediazione con il Presidente russo dopo l’incontro tenuto a Mosca.

“Sono tornato da Mosca e Berlino poche ore fa. Sono andato lì per assistere al dialogo tra tutte le parti, ovviamente con la benedizione e l’incoraggiamento di tutti gli attori sulla scena. Come sapete, la situazione sul campo non è buona. La sofferenza umana è grande e rischia di crescere ulteriormente. Ci sono anche israeliani che hanno bisogno di tornare a casa e comunità ebraiche in difficoltà che hanno bisogno di aiuto.

Naturalmente, non posso entrare più nel dettaglio. Continueremo ad assisterli se necessario. Anche se la possibilità di avere successo non è grande – non appena c’è anche una piccola apertura e abbiamo accesso a tutte le parti e alle capacità – vedo questo come un nostro obbligo morale di fare ogni sforzo. Finché la candela è accesa, bisogna fare uno sforzo e forse sarà ancora possibile agire.

Siamo preparati a un’ondata significativa di immigrazione a causa della situazione. Il sistema sta attualmente lavorando su scenari per assorbire un numero variabile di immigrati, che saranno presentati al Gabinetto di Sicurezza questa settimana. Questa è una sfida per lo Stato di Israele, ma è una sfida che abbiamo affrontato in passato, più e più volte.

In questi momenti, quando il mondo è in subbuglio e gli ebrei non sono più al sicuro dove sono, a tutti viene ricordato quanto sia importante che ci sia una casa per gli ebrei ovunque si trovino; quanto è importante che abbiamo lo Stato di Israele.

Per quanto riguarda i colloqui di Vienna sul ritorno all’accordo sul nucleare –

Una cosa significativa e positiva si è verificata nel fine settimana: il direttore generale dell’AIEA Rafael Grossi ha visitato Teheran e ha deciso di non aderire alla richiesta iraniana di chiudere i fascicoli aperti sotto pressione politica. Si tratta di una decisione professionale importante dell’AIEA e di Grossi, che non hanno risposto alle pressioni iraniane.

La nostra posizione in merito all’accordo è nota. Gli svantaggi dell’accordo superano di gran lunga i suoi vantaggi. In ogni caso, l’accordo non obbliga in alcun modo lo Stato di Israele”.

Latest Posts

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
1,711FansMi piace
85FollowerSegui
0FollowerSegui
52FollowerSegui
480FollowerSegui
5,176FollowerSegui
16,900IscrittiIscriviti

Società