26.5 C
Rome
sabato, Maggio 21, 2022

In primo piano

Il Segretario Guterres “messaggero di pace” a Mosca

Il Capo delle Nazioni Unite è nella capitale russa per colloqui con il ministro degli Esteri Sergey Lavrov, è stato ricevuto anche dal presidente Vladimir Putin

Il Segretario Generale delle Nazioni Unite António Guterres ha sottolineato la necessità di “mantenere vivi i valori del multilateralismo” nel mezzo della guerra in Ucraina e delle sue ricadute in tutto il mondo.

Parlando a Mosca martedì, ha delineato le proposte che stabilirebbero le condizioni per consentire l’evacuazione sicura dei civili e la consegna degli aiuti umanitari disperatamente necessari, sia nel Donbas che a Mariupol.

Guterres ha detto ai giornalisti di aver avuto “una discussione molto franca” con il Ministro Lavrov anche se “è chiaro che ci sono due posizioni diverse su ciò che sta accadendo in Ucraina”.

La Russia ha affermato che sta conducendo una “operazione militare speciale” in Ucraina, mentre per le Nazioni Unite l’invasione del 24 febbraio è una violazione dell’integrità territoriale del Paese e va contro la Carta delle Nazioni Unite.

“Ma è mia profonda convinzione che prima si pone fine a questa guerra, meglio è, per il popolo ucraino, per il popolo della Federazione Russa e per tutti gli altri”, ha affermato.

Sottolineando il suo ruolo di “messaggero di pace”, il Segretario generale ha ricordato che l’Onu ha ripetutamente invocato il cessate il fuoco per proteggere i civili, nonché il dialogo politico verso una soluzione, cosa che finora non è avvenuta.

Riferendosi alla “battaglia violenta” in corso nel Donbas nell’Ucraina orientale, ha osservato che molti civili vengono uccisi e centinaia di migliaia sono intrappolati dal conflitto, aggiungendo che le ripetute segnalazioni di violazioni, così come possibili crimini di guerra, richiederanno indagine indipendente per un’effettiva responsabilità.

“Abbiamo urgente bisogno di corridoi umanitari che siano veramente sicuri ed efficaci e che siano rispettati da tutti per evacuare i civili e fornire l’assistenza tanto necessaria”.

Il Segretario Generale ha proposto l’istituzione di un Gruppo di contatto umanitario – composto da Russia, Ucraina e ONU – “per cercare opportunità per l’apertura di corridoi sicuri, con cessazioni locali delle ostilità, e per garantire che siano effettivamente efficaci. “

Affrontando la “crisi nella crisi” a Mariupol, dove migliaia di persone hanno un disperato bisogno di assistenza salvavita e per molti l’evacuazione, ha sottolineato la disponibilità delle Nazioni Unite a mobilitare pienamente le proprie risorse umane e logistiche per aiutare a salvare vite umane.

Guterres ha proposto che le Nazioni Unite, il Comitato Internazionale della Croce Rossa e le forze ucraine e russe coordinino il lavoro sia per consentire l’evacuazione in sicurezza dei civili che vogliono lasciare Mariupol, sia all’interno dell’ultima ridotta dell’acciaieria Azovstal, e nella città stessa, e in qualsiasi direzione scelgano, e per fornire aiuti umanitari.

Passando agli impatti più ampi della guerra, il Segretario Generale ha parlato di alcune delle “onde d’urto” che si stanno facendo sentire in tutto il mondo, come la “drammatica accelerazione” dei costi alimentari ed energetici, che stanno colpendo in particolare milioni di persone tra le più persone vulnerabili.

“Questo si aggiunge allo shock della continua pandemia di COVID-19 e all’accesso irregolare alle risorse per la ripresa, che penalizzano particolarmente i paesi in via di sviluppo in tutto il mondo. Quindi, prima viene stabilita la pace, meglio è, per il bene dell’Ucraina, della Russia e del mondo”, ha affermato.

“Ed è molto importante, anche in questo momento di difficoltà, mantenere vivi i valori del multilateralismo”, ha aggiunto.

Il Segretario Generale ha sottolineato la necessità di un mondo “multipolare”, che rispetti la Carta delle Nazioni Unite e il diritto internazionale, e che riconosca la piena uguaglianza tra gli Stati, nella speranza che l’umanità si unisca nuovamente per affrontare sfide comuni come il cambiamento climatico” e in cui l’unica guerra che dovremmo avere sarebbe una guerra di quelle che mettono a rischio il pianeta.

Giovedì il Segretario generale sarà in Ucraina dove avrà un incontro di lavoro con il ministro degli Esteri Dmytro Kuleba e sarà ricevuto dal presidente Volodymyr Zelenskyy.

Latest Posts

spot_img

Social