Home Economia Mario Draghi propone una trasformazione radicale per l’UE a La Hulpe

Mario Draghi propone una trasformazione radicale per l’UE a La Hulpe

0

Necessario un cambio di strategia per competere globalmente, secondo l’ex premier

Durante la conferenza sul pilastro europeo dei diritti sociali a La Hulpe, Mario Draghi ha esposto la necessità di una riforma profonda per l’Unione Europea, focalizzata sulla competitività e l’indipendenza strategica in vari settori chiave.

Nel suo discorso a La Hulpe, Mario Draghi ha illustrato una visione per il futuro dell’Unione Europea che prevede una trasformazione radicale per rispondere efficacemente alle sfide globali attuali. L’ex premier ha sottolineato l’importanza di rivedere l’approccio europeo alla competitività, tradizionalmente incentrato su una riduzione dei costi salariali e una politica fiscale prociclica, che ha finito per indebolire la domanda interna e minare il modello sociale europeo.

Draghi ha evidenziato come le altre regioni mondiali non stiano più seguendo le regole del fair play economico, mettendo a rischio la posizione competitiva dell’UE. In particolare, ha citato la Cina e gli Stati Uniti che, attraverso politiche industriali aggressive e protezionismo, stanno cercando di attrarre investimenti e tecnologie a scapito dell’Europa.

L’ex premier ha proposto una strategia europea che mira a una maggiore integrazione e indipendenza in settori chiave come la difesa, l’energia decarbonizzata, la manifattura avanzata e le tecnologie digitali. Ha inoltre sottolineato la necessità di un maggiore coordinamento nella produzione e nell’approvvigionamento di beni pubblici, come le reti energetiche e l’infrastruttura di supercalcolo, essenziali per un mercato unico più integrato e resiliente.

Il piano di Draghi richiede una cooperazione rafforzata tra gli stati membri e un utilizzo più efficace delle capacità di prestito congiunto dell’UE per finanziare le grandi trasformazioni necessarie. La sua visione include anche una maggiore attenzione alla formazione e al reclutamento di lavoratori qualificati all’interno dell’UE per ridurre la dipendenza da paesi terzi e migliorare la competitività globale dell’Unione.

Intervento integrale (in Inglese con sottotitoli in italiano)

https://youtu.be/cHXxibNi__E

Ascolta in versione Podcast – in Inglese (Link)

Exit mobile version