7 C
Rome
lunedì, Aprile 22, 2024

Correlati

“Non esiste il diritto a essere sempre in onda”

Durante la seconda giornata del 12° Festival della Tv di Dogliani (Cuneo), Enrico Mentana, direttore di la7, ha condiviso la sua visione sulla recente controversia relativa all’uscita di diversi volti noti dalla Rai. L’intervista, condotta da Aldo Cazzullo, ha offerto a Mentana l’opportunità di esprimere i suoi pensieri sulla questione.

Mentana ha ribadito che non esiste un “diritto inalienabile a dover essere sempre in onda”. Ha enfatizzato che “chi lascia la Rai non è un martire”, introducendo una prospettiva realistica sulle dinamiche che guidano il mondo della televisione italiana.

Sottolineando il carattere insostituibile di ogni figura televisiva, Mentana ha detto: “Nessuno di noi è insostituibile. Nessuno è nato con la missione divina di fare giornali o trasmissioni”. Ha inoltre chiarito la sua posizione sullo spoil system, un fenomeno che, a suo avviso, non lede la democrazia.

Un punto cruciale del suo intervento riguardava la proposta di una riforma per sottrarre la Rai al controllo dei partiti. Ha argomentato che ognuno dovrebbe accettare il proprio ruolo e fare scelte motivate con fair play, piuttosto che assumere il ruolo di martire.

Infine, ha discusso del caso specifico di Lucia Annunziata, sostenendo che “non puoi lavorare nel servizio pubblico e dire di non accettare chi governa”.

Il discorso di Mentana al Festival della Tv di Dogliani aggiunge un altro strato di complessità al dibattito in corso sulla televisione italiana e sul ruolo della Rai in particolare.

Latest Posts

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
1,696FansMi piace
204FollowerSegui
0FollowerSegui
52FollowerSegui
65,000FollowerSegui
5,112FollowerSegui
28,300IscrittiIscriviti

Società