7.2 C
Rome
sabato, Ottobre 1, 2022

Correlati

Vertice UE – Cina in videoconferenza

Il 23esimo vertice tra Unione Europea e Cina si è svolto in videoconferenza

I rappresentanti del vecchio continente, Charles Michel, presidente del Consiglio europeo, Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, e Josep Borrell, alto rappresentante dell’UE per gli affari esteri e la politica di sicurezza, si sono confrontati in mattinata con il Primo Ministro cinese Li Keqiang, e nel pomeriggio con il Presidente della Cina, Xi Jinping.

All’ordine del confronto ovviamente la guerra in Ucraina e l’impegno della comunità internazionale a sostegno del Paese invaso dalla Russia. Ma non sono mancati momenti di discussione dedicati anche ad altre aree di comune interesse come il cambiamento climatico, la biodiversità e la salute, nonché i modi per garantire una più equilibrata reciprocamente relazione commerciale.

Nell’ultimo anno le relazioni bilaterali UE-Cina si sono deteriorate, in particolare a causa di un numero crescente di fattori di natura come ad esempio le contromisure della Cina alle sanzioni dell’UE sui diritti umani, la coercizione economica e le misure commerciali contro il mercato unico e non meno importante il “posizionamento” cinese sulla questione della guerra in Ucraina. Mentre l’equilibrio di sfide e opportunità presentate dalla Cina è cambiato nel corso del tempo l’Europa è rimasta impegnata nella cooperazione, dato il ruolo cruciale della Cina nell’affrontare le sfide globali e regionali.

Il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel a tale riguardo ha dichiarato che “In quanto grandi potenze mondiali, l’UE e la Cina devono collaborare per fermare la guerra della Russia in Ucraina il prima possibile. Abbiamo la responsabilità comune di mantenere la pace e la stabilità e un mondo sostenibile. Le norme e i principi internazionali chiave devono essere rispettati. Contiamo sul sostegno della Cina per raggiungere un cessate il fuoco duraturo, fermare la guerra ingiustificabile e affrontare la drammatica crisi umanitaria che ha generato”.

A Michel si è aggiunta la voce della Presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen che all’incontro ha sottolineato che l’invasione russa dell’Ucraina “non è solo un momento decisivo per il Continente europeo, ma anche per il nostro rapporto con il resto del mondo. Occorre rispettare il diritto internazionale, nonché la sovranità e l’integrità territoriale dell’Ucraina” ha sottolineato la von der Leyen “La Cina, in quanto membro permanente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, ha una responsabilità speciale. Nessun cittadino europeo” ha aggiunto “capirebbe alcun sostegno alla capacità della Russia di fare la guerra”.

La discussione con i rappresentanti cinesi si è poi sviluppata anche sugli altri fronti “come cooperare sulla sicurezza alimentare globale, i cambiamenti climatici e la lotta contro il Covid”.

Ascolta la versione audio Podcast (Link)

L’aggressione militare russa contro l’Ucraina

L’UE e la Cina hanno discusso ampiamente dell’aggressione militare della Russia contro l’Ucraina, che sta mettendo in pericolo la sicurezza globale e l’economia mondiale, nonché la sicurezza alimentare ed energetica. L’UE ha sottolineato che la sua priorità fondamentale è fermare l’invasione ingiustificata e non provocata da parte della Russia dell’Ucraina, paese sovrano e partner chiave dell’UE. L’UE ha inoltre sottolineato l’importanza per la Russia di consentire l’accesso umanitario e salvaguardare i corridoi umanitari e di astenersi dal prendere di mira la popolazione civile e le infrastrutture.

Ricordando la responsabilità dell’UE e della Cina come attori globali per la pace e la stabilità, l’UE ha invitato la Cina a sostenere gli sforzi per porre fine immediatamente allo spargimento di sangue in Ucraina, coerentemente con il ruolo della Cina nel mondo come membro permanente delle Nazioni Unite al Consiglio di sicurezza e le sue relazioni uniche e strette con la Russia.

L’UE ha sottolineato che l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ha violato le norme e i principi fondamentali del diritto internazionale espressi nella Carta delle Nazioni Unite e nei documenti fondamentali dell’OSCE, in particolare il rispetto della sovranità e dell’integrità territoriale. In tal modo, la Russia ha intenzionalmente minato l’architettura di sicurezza dell’Europa, compreso l’Atto finale di Helsinki, la Carta di Parigi e il Memorandum di Budapest, di cui è parte.

L’UE ha ricordato che le sanzioni internazionali contro la Russia sono state imposte con l’unico scopo di fermare l’aggressione russa e nonostante un significativo impatto economico sull’UE e sui suoi partner a livello globale. Qualsiasi elusione degli effetti delle sanzioni o qualsiasi aiuto fornito alla Russia prolungherebbe lo spargimento di sangue e porterebbe a perdite ancora maggiori di vite civili e sconvolgimenti economici. L’UE lavorerà con i suoi partner per rendere conto della Russia e dei responsabili della guerra della Russia contro l’Ucraina e di eventuali violazioni del diritto umanitario internazionale e internazionale. Qualsiasi tentativo di aggirare le sanzioni o di aiutare la Russia con altri mezzi deve essere fermato.

Relazioni bilaterali

L’UE ha preso atto della sua delusione per le sanzioni ingiustificate della Cina, anche contro i membri del Parlamento europeo, e le misure coercitive contro il mercato unico dell’UE e gli Stati membri. Ha invitato la Cina a cessare tali azioni per un impegno più produttivo a beneficio di entrambe le parti.

La ripresa dalla pandemia di COVID-19 rimane una priorità condivisa. I leader hanno discusso la cooperazione sulla campagna di vaccinazione e la riapertura dell’economia. L’UE ha confermato il suo impegno a collaborare con la Cina e altri Stati membri dell’Organizzazione mondiale della sanità su un nuovo accordo sulla prevenzione, la preparazione e la risposta alle pandemie.

L’UE ha sottolineato la necessità di affrontare le preoccupazioni di lunga data relative all’accesso al mercato e al contesto degli investimenti in Cina, al fine di garantire relazioni commerciali ed economiche equilibrate. I leader hanno incaricato il dialogo ad alto livello commerciale ed economico di trovare modi concreti per progredire su questi temi prima dell’estate. Hanno convenuto di ampliare l’accordo UE-Cina sulla protezione delle indicazioni geografiche nel prossimo futuro.

I leader hanno convenuto di continuare la cooperazione sui cambiamenti climatici e la transizione energetica, necessaria per affrontare questa urgente sfida globale. L’UE ha sottolineato l’importanza di misure aggiuntive, compresa la riduzione graduale del carbone, in vista della COP 27 a Sharm-El Sheikh. L’UE e la Cina lavoreranno insieme per garantire un nuovo quadro globale solido e ambizioso per la biodiversità alla COP15 di Kunming. Il dialogo ad alto livello su ambiente e clima si riunirà prima dell’estate.

L’UE ha sottolineato l’importanza di un ambiente trasparente e competitivo per l’economia digitale, nonché di usi affidabili ed etici dell’intelligenza artificiale. Ha espresso preoccupazione per l’aumento delle minacce alla sicurezza informatica e ha chiesto un comportamento responsabile dello Stato nel ciberspazio. L’UE e la Cina riprenderanno il dialogo digitale ad alto livello.

L’UE ha ribadito le sue preoccupazioni sulla situazione dei diritti umani in Cina, compreso il trattamento delle persone appartenenti a minoranze e difensori dei diritti umani, indicando casi individuali, nonché sullo smantellamento del “un paese, due sistemi” a Hong Kong. L’UE si aspetta la ripresa di un dialogo sostanziale sui diritti umani per affrontare queste preoccupazioni.

L’UE ha riaffermato il suo impegno a favore della sua politica One China, esprimendo al contempo preoccupazioni per l’aumento delle tensioni attraverso lo Stretto. I leader hanno anche toccato le situazioni in Afghanistan, Myanmar e nella penisola coreana.

Latest Posts

spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
1,711FansMi piace
85FollowerSegui
0FollowerSegui
52FollowerSegui
480FollowerSegui
5,175FollowerSegui
16,900IscrittiIscriviti

Società